Home / Degustazioni DiVine / Marchese “Leopoldo” 2009

Marchese “Leopoldo” 2009

i quattro sensi…

colore: rosso rubino
profumo: profumi varietali tipici, con note di piccoli frutti rossi e spezie
palato: fragrante, di buon corpo, morbido, armonico e persistente.
musica da degustazione: “I’ve got you under my skin”. (Frank Sinatra- Bono U2)

temperatura di servizio: 18° C
grado alcolico: 13.5% Vol.

 

dalla vigna alla tavola…

I Marchesi Incisa della Rocchetta sono una delle più antiche famiglie del Piemonte. Per secoli sono stati dediti  alla viticultura e alla produzione dei vini nel Monferrato astigiano.

Insieme a Langhe e Roero, le colline del Monferrato rappresentano il cuore della viticoltura piemontese. Queste colline, per la natura argillo-sabbiosa dei loro terreni, sono sempre state il luogo più adatto per la coltivazione della vite. Esse offrono anche un micro-clima ideale. Il sole riscalda i vigneti collinari durante i freddi inverni, mentre in estate ed autunno le brezze li mantengono freschi e asciutti dopo le piogge. Le forti escursioni termiche tra notte e giorno contribuiscono anch’esse significativamente alla maturazione delle uve e allo sviluppo dei profumi.

I vigneti dei Marchesi Incisa sono meravigliosamente esposti sulle colline che circondano Rocchetta Tanaro e sono coltivati in modo rispettoso per l’ambiente. La produzione per ceppo è tenuta molto bassa attraverso oculati diradamenti e, sempre per assicurare la massima qualità delle uve, la vendemmia manuale è finalizzata alla selezione delle uve migliori. La vinificazione, che una volta avveniva nelle cantine del castello di famiglia, è stata trasferita presso “La Corte Chiusa”, un’antica proprietà della famiglia, nel centro di Rocchetta Tanaro. Qui, in cooperazione con Donato Lanati, brillante e stimato enologo piemontese, vengono accuratamente seguite tutte le fasi di vinificazione e affinamento.

About admin

Check Also

vini molise

I Vini del Molise

Il Molise è una delle regioni meno appariscenti del panorama italiano. Si tratta di una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *